Mazara Valley
Via del Carmine 91026 Mazara del Vallo (Tp), Sicilia Italia
Tel: +39 389 0441600

Mozia. Mazara del Vallo. Mazara Valley - Official Tourism Website

Home Esperienze Riserve naturali e oasi Mozia
Riserve naturali e oasi

Mozia

Mozia fu probabilmente interessata dalle esplorazioni dei mercanti-navigatori fenici, che si spinsero nel Mar Mediterraneo occidentale, a partire dalla fine del XII secolo a.C.: dovette rappresentare un punto d'approdo e una base commerciale morfologicamente molto simile alla città fenicia di Tiro. Il nome antico in fenicio era Mtw, Mtw o Hmtw, come risulta dalle legende monetali; il nome riportato in greco, Motye, Μοτύη, è citato anche da Tucidide[1] e da Diodoro Siculo[2]. Intorno alla metà dell'VIII secolo a.C., con l'inizio della colonizzazione greca in Sicilia, Tucidide riporta che i Fenici si ritirarono nella parte occidentale dell'isola, più esattamente nelle tre città di loro fondazione: Mozia, Solunto e Palermo. Archeologicamente è testimoniato un insediamento della fine dell'VIII secolo a.C., preceduto da una fase protostorica sporadica ed alquanto modesta. Le fortificazioni che circondano l'isola possono essere forse collegate alle spedizioni greche in Sicilia occidentale di Pentatlo e Dorieo nel VI secolo a.C.

Gastraphetes di Bitone, arma probabilmente usata nell'assedio del 397 a.C. Nel 400 a.C. Dionisio di Siracusa prese e distrusse la città all'inizio della sua campagna di conquista delle città elime e puniche della Sicilia occidentale; l'anno successivo Mozia venne ripresa dai Cartaginesi, ma perse di importanza in conseguenza della fondazione di Lilibeo. Dopo la battaglia delle Isole Egadi nel 241 a.C. tutta la Sicilia passò sotto il dominio romano, ad eccezione di Siracusa: Mozia doveva essere quasi del tutto abbandonata, dal momento che vi si sono rinvenute solo pochissime tracce di nuova frequentazione, generalmente singole ville di epoca ellenistica o romana. Di pregevole valore sono invece reperti d'epoca fenicia come il Giovane di Mozia e la c.d. “Stele del re di Mozia”, tra i frutti di una cinquantennale missione archeologica dell'Università La Sapienza guidata prima da Antonia Ciasca e poi da Lorenzo Nigro.

Recensioni
3
I punteggi sono attribuiti dagli utenti di Mazara Valley. Il punteggio di partenza, in assenza di recensioni, ammonta a 3.
Sei stato in questa struttura? Lascia una Recensione
Location

Indirizzo Stagnone di Marsala

Condividi

Chiudi

Facebook Twitter WhatsApp Telegram Email

Sei un operatore turistico di Mazara del Vallo? Collabora con noi

Collabora

Hotel nelle vicinanze

Ristoranti nelle Vicinanze

Flash News
Rassegna - Un Mediterraneo di letture ( 29 Agosto 2020 )
Visualizza Eventi

Chiudi

Titolo della popup